Amici di Adwa

Testata amicidiadwa

www.amicidiadwa.org

 

L’Associazione Amici di Adwa Onlus è tra le Associazioni alle quali è possibile devolvere il 5 per mille della propria imposta sul reddito (IRPEF) a sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di attività sociali

 Come fare?

bulCompila la scheda CUD, il modello 730 o il modello Unico;

bulFirma nel riquadro indicato come “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di attività sociali”;

bulIndica nel riquadro il codice fiscale di Amici di Adwa Onlus

90005940383

 

 Ricorda che:

bulPuò destinare il 5×1000 anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero la persone che hanno solo il modello CUD fornitogli dal datore di lavoro o dall’ente erogatore della pensione.
Come fare?
È sufficiente compilare la scheda e presentarla, in busta chiusa:

  • allo sportello di un ufficio postale o
  • a uno sportello bancario che provvederà a trasmetterle all’Amministrazione finanziaria (il servizio è gratuito) oppure a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (commercialista, CAF, etc.)

bulNon ti costa nulla destinare il 5×1000
Non comporta un onere economico aggiuntivo, sei tu che decidi a chi destinarlo. Si tratta di una quota di imposte a cui lo Stato rinuncia per destinarla alle organizzazioni no-profit ed al sostentamento delle loro attività.

bulNon è alternativo all’8×1000 – Le scelte di destinazione dell’8×1000 e del 5×1000 dell’IRPEF non sono in alcun modo alternative fra loro.
Pertanto possono essere espresse entrambe

 come abbiamo utilizzato il 5×1000 gli scorsi anni:

  • Il contributo del 5×1000 derivante dalla dichiarazione dei redditi dell’anno 2011 (relativo ai redditi 2010) è pari a € 37.810,90. Tale cifra è stata erogata ad agosto 2013 e contribuirà alla prosecuzione dei lavori per la costruzione del reparto maternità e poliambulatorio del nuovo ospedale di Adwa. Ringraziamo di cuore tutte le 946 persone.
  • Il contributo dell’anno 2010 (relativo ai redditi 2009) è pari a € 36.990,69. Tale cifra è stata erogata a novembre 2012 ed ha contribuito all’acquisto del materiale necessario per la prosecuzione dellacostruzione del futuro ospedale di Adwa. Ringraziamo di cuore tutte le 882 persone.
  • Il contributo dell’anno 2009 (relativo ai redditi 2008) è stato pari a € 44.065,44 ed ha contribuito alla costruzione della prima struttura del Progetto Ospedale inaugurata il 31 gennaio 2013.
  • Il contributo dell’anno 2008 (relativo ai redditi 2007)è stato di € 41.487,78 ed è stato utilizzato per l’acquisto del materiale necessario per i lavori di costruzione della prima fase dell’ospedale.

Scarica la brochure in PDF:

download-pdf-button

LA MISSIONE

È “una speranza accesa nella vita degli ultimi“, l’unico centro stabile di riferimento per migliaia di persone, che si rivolgono alla “Kidane Mehret” nei momenti di emergenza, per consiglio, per aiuto, insomma per qualsiasi necessità.

Come è stato possibile in una zona come quella di Adwa, segnata da anni di guerra e dalla miseria realizzare tutto ciò che esiste in così poco tempo?

Insieme ai Salesiani, le Figlie di Maria Ausiliatrice sono state tra i primi missionari nella zona di Adwa dal 1620, anno in cui i Gesuiti furono scacciati.
Sono state chiamate dagli anziani della città nel 1987 con l’obiettivo di dare istruzione e formazione professionale ai giovani.

La comunità è nata ufficialmente alla fine del 1994. Da allora è iniziato il “miracolo” di Adwa.

La missione è costruita su un terreno donato dalle Autorità e comprende:

  • una scuola materna con 400 bambini
  • una scuola elementare e media con 780 studenti
  • una scuola superiore appena attivata con 80 studenti in continuo aumento
  • una scuola professionale di avviamento al lavoro con 80 studenti
  • una scuola tecnica con circa 100 studenti
  • un centro per la promozione della donna, per restituire dignità a giovani donne che vengono alfabetizzate e inserite nel mondo del lavoro
  • un oratorio con più di 1000 ragazze che frequentano
  • un progetto di assistenza sociale alle famiglie con circa 2000 bambini beneficiari per un totale di oltre 6000 persone soccorse regolarmente
  • una serra e una stalla per l’autonomia alimentare della Missione e per la distribuzione di carne, latte e formaggi ella famiglie più povere
  • un ostello come residenza di medici, infermieri e personale sanitario che collabora con noi per la formazione degli studenti in vista del completamente della costruzione dell’ospedale

È in fase di costruzione l’ospedale, per rispondere all’aggravarsi dell’emergenza sanitaria ad Adwa!

Inoltre la missione offre:

  • un servizio di ambulanza soprattutto per le donne incinte
  • collaborazione con le autorità sanitarie locali per le campagne di vaccinazione
  • emergenze in caso di epidemie etc.
  • collaborazione con le autorità civili in caso di emergenze umanitarie (150.000 profughi assistiti durante la guerra 1998-2001)
  • partecipazione alla risoluzione di problemi attinenti alla popolazione locale (sr. Laura Girotto è membro del Direttivo dell’associazione Nazionale Donne Etiopiche sede di Adwa)

 OBIETTIVI

  • Evangelizzare educando attraverso la scuola e l’avviamento al lavoro.
  • Difendere la vita in tutte le sue espressioni.
  • Fare in modo che siano gli Etiopici a cambiare l’Etiopia e rendere i giovani protagonisti del proprio futuro.
  • Identificare i possibili leader e prepararli come “formatori”.
  • Traghettare la popolazione locale da un’economia tradizionalmente agricola e pastorizia
    (non più praticabile) ad una economia artigianale, cooperativistica, industriale.
  • Incoraggiare l’iniziativa privata e l’indotto nel 3° settore.
  • Favorire l’empowerment delle donne, da sempre discriminate.
  • Creare le condizioni per una ripresa economica che liberi la popolazione dalla miseria e dalla dipendenza.
  • Creare le condizioni perché la popolazione possa compiere scelte libere e consapevoli, incluse quelle religiose.
  • Garantire la futura autonomia economica della missione per quanto riguarda la conduzione ordinaria delle attività.

Con chi opera

  • Tutte le realtà religiose e civili presenti sul territorio.
  • Segretariato Cattolico e Congregazioni Religiose.
  • Rappresentanti delle Chiese di diversa denominazione.
  • Ministero dell’Educazione.
  • Ministero del Lavoro.
  • Protezione civile e forze di pace ONU.
  • Fabbriche, commercianti, professionisti, artigiani, contadini.
  • Associazioni.

Per chi opera

  • Le fasce più deboli, donne e bambini.
  • I giovani, con priorità per le ragazze.
  • Adulti non alfabetizzati.
  • Ragazze a rischio (prevenzione).
  • Ragazze e donne già prostitute, spesso solo x fame (recupero).
  • Madri singole, mogli abbandonate/maltrattate, vedove.
  • Orfani di guerra o di AIDS.
  • Adulti alfabetizzati che necessitano di riqualificarsi.

L’ASSOCIAZIONE

 Foto 1 amicidiadwa

Siamo un’Associazione Onlus senza scopo di lucro che dal 1998 si occupa di beneficenza, in particolare di adozione a distanza e di portare aiuti alle popolazioni dell’Etiopia.

In quel paese operiamo nella missione di Kidane Mehret ad Adwa insieme alle suore missionarie delle Figlie di Maria Ausiliatrice e grazie all’aiuto dei benefattori lavoriamo per ridare speranza ed autonomia economica ad una popolazione segnata per anni dalla guerra e da mille altri problemi.

Siamo stati riconosciuti ONLUS il 12.12.2000 in ottemperanza alla normativa vigente.

La nostra Associazione, ha sede a Cento di Ferrara, e:

  • segue e sostiene con continuità e priorità il programma di adozione a distanza dei bambini di Adwa.
  • Fa opera di informazione, formazione e selezione per l’invio di personale volontario che presterà la propria opera gratuitamente e di materiale da inviare alla missione

 Foto 2 amicidiadwa

  • stabilisce contatti con Organizzazioni ed Enti aventi gli stessi scopi.
  • Finalizza progetti che di volta in volta saranno proposti dalla missione

 AIUTACI ANCHE TU

Foto 3 amicidiadwa

Aiuta anche tu i bambini di Adwa!

L’appello è rivolto a tutti coloro che, ritenendosi sensibili a problemi gravissimi che affliggono la popolazione di Adwa, vorranno partecipare attivamente attraverso una donazione economica, sapendo che, in cambio, riceveranno l’eterna gratitudine di uomini, donne e bambini di una terra poverissima.

 COME DONARE

Fai un bonifico sui nostri conti corrente della Cassa di Risparmio di Cento, intestati all’Associazione Amici di Adwa:

Ricorda di inserire i tuoi dati (nome, cognome, indirizzo postale) nella causale per poterti inviare un riscontro a seguito della tua donazione.

Per i bonifici dall’estero: BIC/SWIFT CRCEIT2C.

Fai un versamento con bollettino postale: intestato a “Amici di Adwa Onlus”, via Matteotti 8, 44042, Cento, CCP 48884936 oppure

Dona on-line con carta di credito tramite questo sito.

NB: al momento il servizio con American Express è disabilitato. E’ possibile donare con carta VISA e Mastercard.

Quali sono le agevolazioni fiscali

Detrai le tue donazioni dalle imposte: “Amici di Adwa” è una ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale) iscritta all’anagrafe delle Onlus con protocollo n. 73220 del 12 dicembre 2000 della Direzione Generale Delle Entrate dell’Emilia Romagna.
Pertanto le donazioni fatte a nostro favore possono godere dei benefici fiscali. Ricorda però che le agevolazioni competono a condizione che il versamento del contributo sia eseguito tramite banca o ufficio postale, o con carte di credito, carte prepagate e che sia conservata la ricevuta o l’estratto conto attestante il versamento effettuato.

  • Persone fisiche: rif. art. 15 c. 1 lett. i-bis D.P.R. 917/86 e L. n° 96 del 6/07/2012 – detrazione dall’imposta lorda nella misura del 24% (donazioni 2013) da calcolare su un importo massimo di € 2.065,83 in alternativa, rif. art. 14 c. 1 D.L. 35/2005 deducibilità nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato, fino all’importo massimo di € 70.000,00
  • Imprese: rif. art. 100 c. 2 lett. h) D.P.R. 917/86 e L. n° 96 del 6/07/2012 – deducibilità dal reddito di impresa fino ad un limite massimo di 2.065,83 o del 2% del reddito di impresa dichiarato in alternativa, rif. art. 14 c. 1 D.L. 35/2005 deducibilità nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato, fino all’importo massimo di € 70.000,00